Pensiamo di conoscerli da sempre. I nostri cuccioli: li abbiamo portati in grembo, li abbiamo visti nascere, li abbiamo visti crescere, forse anche troppo in fretta per i nostri gusti…

Ma conosciamo davvero i nostri figli?

Durante le mie passeggiate nella mia bella Monterotondo mi fermo spesso ad osservare le persone che mi circondano, mi piace vedere come interagiscono. Tuttavia, se dovessi fare una statistica, evidenzierei con una certa ricorrenza un frequente distacco tra genitori e figli. 

Insomma, se dovessi dare un titolo alla mia “ricerca sociale” la chiamerei “Perfetti sconosciuti”, proprio come quel film che qualche anno fa ebbe molto successo.

Sembra che ci sia stata una svolta epocale: dalle raccomandazioni genitoriali ai figli di non accettare caramelle dagli sconosciuti, all’essere i genitori e i figli gli sconosciuti. 

I figli parlano poco, pretendono molto e si lamentano tanto. I genitori negoziano poco, si disperano molto e si lamentano tanto. La sola cosa in comune è che entrambi si lamentano.

Qualcuno direbbe che sono i soliti problemi di comunicazione tra genitori e figli. Tutti dicono che è solo una fase evolutiva e che passerà . E allora ci si consola guardando i figli degli altri, che sono pure peggio…

Ma questo distacco tra genitori e figli è davvero soltanto una fase?

Si e no. Sicuramente l’adolescenza è caratterizzata da un distacco fisiologico. I ragazzi sentono l’impellente bisogno di aprirsi al mondo esterno, di riconoscersi nel gruppo dei pari e soprattutto di disconoscere le regole di mamma e papà.

Il senso di anarchia e ribellione è forte negli adolescenti, ma c’è anche un altro lato che caratterizza gli adolescenti: il loro bisogno di protezione.

Gli adolescenti non chiedono più le coccole, alzano la voce e sbattono le porte, ma dietro quell’ira c’è una duplice richiesta: da una parte cercano la libertà, dall’altra cercano riparo. 

Sapete come gli uccelli imparano a spiccare il volo? 

Non tutti gli uccelli hanno il loro primo volo al giusto livello, e molto spesso i piccoli uccellini sentono il dolore delle cadute e l’amarezza dei fallimenti, quindi l’esempio della madre è molto importante. È lei che mostra per la prima volta come volano gli uccelli, insegnandogli, quasi dalla nascita, l’alta quota. Non è un caso  che quasi tutti gli uccelli costruiscono i loro nidi su un albero, e questo non è solo per proteggere la prole, l’altro motivo è per far sperimentare ai piccoli sensazioni insolite a decine di metri dal suolo, le stesse che si provano durante il volo. 

Lo stesso compito ce l’hanno i genitori con i figli. Ma questo è possibile ad una sola condizione: conoscere i propri figli.

Se non sappiamo la “specie” dei nostri piccoli cuccioli umani, se non sappiamo quanta forza c’è nelle loro ali, se non conosciamo le loro caratteristiche e le loro risorse, non potremo mai garantire loro la protezione di cui necessitano, né dar loro la forza per spiccare il volo.

Gli sconosciuti sono lì apposta per essere conosciuti, prima o poi. Sono lì per diventare qualcuno e per poi divenire una presenza e poi occhi che parlano e carezze, mani e istanti che vibrano. Non esiste un manuale per trattare gli adolescenti. Gli adolescenti non sono tutti uguali. Dobbiamo conoscere il nostro adolescente.

Quali sono le sue passioni? Quali sono le sue paure? E le sue speranze? Ed i suoi sogni? E’ mai stato innamorato? Quanti dubbi avrà nell’approcciare con l’altro sesso?

Siate curiosi dei vostri figli, non nascono segreti, ma meravigliosi mondi da scoprire.

Se vuoi approfondire la nostra conoscenza o comprendere insieme quali strategie per migliorare la relazione con i figli, chiamaci.

Ricordati che il lavoro di équipe del nostro centro ti permette di contare su professionisti differenti, come logopedisti, psicologi, neuropsichiatri e altre figure specialistiche che ritaglieranno un percorso su misura per tuo figlio; non esiste infatti  un abito che vesta uguale per tutti, ma bisogna personalizzarlo. 

Contattaci per un primo colloquio gratuito e senza impegno!

Ti aspettiamo a Monterotondo (RM) in Via San Martino, 21.

Telefono 0687602258

Email info@centroapis.it

dott. Federico Piccirilli

Psicologo, Psicoterapeuta

Direttore del Centro APIS – Servizi di Riabilitazione dell’età Evolutiva Monterotondo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *