Oggi parliamo di Tristezza.

Senza addentraci nel tema e termine “Depressione“, male oscuro del secolo, con un incidenza, che solo in Italia (in pre pandemia) superava il 17%, voglio condividere con voi i modi in cui i bambini possono esprimere il loro sentirsi tristi.

A differenza degli adulti, che meglio riescono a comprendere e dichiarare le proprie emozioni, i bambini non sempre comprendono (o riescono a comunicare) quello che gli sta capitando.

Gli ADULTI dovrebbero stare attenti ad alcuni segnali che potrebbero far comprendere cosa stia passando nella testa dei bambini.

La tristezza, rispetto alle altre emozioni, è spesso difficile da identificare nei piccoli.

Si può presentare come reazione a qualche evento chiaro e definito, ma non sempre è reattiva a qualcosa e le sue manifestazioni potrebbero non essere subito correlate a questo tipo di emozione.

Le manifestazioni di tristezza nel bambino sono (o potrebbero essere) variegate:

  • irritabilità;
  • lamentele e capricci;
  • insoddisfazione per attività prima considerate piacevoli;
  • alterazione della sensazione di fame;
  • poca soddisfazione dalle attività ludiche;
  • poca propensione all’interazione con i pari;
  • difficoltà di concentrazione;
  • alterazioni del sonno: insonnia o ipersonnia.

Ma una volta riconosciuta in un figlio o in una figlia questa situazione, cosa fare per aiutarlo/a?

Partendo dalla considerazione che non esiste un manuale di istruzioni ma ci sono alcune strategie che possono renderci più vicini ai nostri figli, aiutandoli a comprendere e condividere le sensazioni che stanno provando.

Quindi come adulti (lasciando da parte i sensi di colpa) proviamo a porre attenzione a nostro figlio accogliendo la sua sofferenza, aprendo un dialogo su questa emozione, sostenendolo e, se riscontriamo delle difficoltà ad aprirsi con noi (in quanto genitori, proviamo a coinvolgere un esperto che possa sostenerlo.

Fondamentale è continuare a coinvolgerlo nel gioco e in tutte quelle azioni che rivestono un carattere di piacevolezza, favorendo il mantenimento dei contesti sociali, dell’attività sportiva e delle cose piacevoli alle quali era solito dedicarsi e che magari vanno via via diminuendo rischiando di farlo cadere nella trappola dell’isolamento.

Se vuoi approfondire la nostra conoscenza o comprendere insieme quali strategie per migliorare la relazione con i figli, chiamaci.

Ricordati che il lavoro di équipe del nostro centro ti permette di contare su professionisti differenti, come logopedisti, psicologi, neuropsichiatri, terapisti occupazionali e altre figure specialistiche che pianificheranno un percorso su misura per tuo figlio; non esiste infatti  un abito che vesta uguale per tutti, ma bisogna personalizzarlo. 

Contattaci per un primo colloquio gratuito e senza impegno!

Ti aspettiamo a Monterotondo (RM) in Via San Martino, 21.

Telefono 0687602258

Email info@centroapis.it

dott. Federico Piccirilli

Psicologo, Psicoterapeuta

Direttore del Centro APIS – Servizi di Riabilitazione dell’età Evolutiva Monterotondo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.